Regione autonoma Friuli Venezia Giulia

Situazione pazienti in Pronto Soccorso

Accesso alle prestazioni

Per meglio descrivere le regole di accesso alle prestazioni distinguiamo le seguenti condizioni:

  • Cittadini dell’Unione Europea o della Norvegia, Islanda, Lichtenstein e Svizzera, in temporaneo soggiorno in Italia.
  • Cittadini di uno degli  Stati che hanno stipulato con l'Italia una Convenzione/Accordo Bilaterale, in temporaneo soggiorno in Italia.
  • Cittadini Extra comunitari, regolarmente presenti sul territorio italiano
  • Cittadini Extra-comunitari, irregolarmente presente sul territorio italiano
  • Cittadini italiani emigrati in un paese extracomunitario non convenzionato con l'Italia, in temporaneo soggiorno in Italia.

 

Cittadini dell’Unione Europea o della Norvegia, Islanda, Lichtenstein e Svizzera, in temporaneo soggiorno in Italia

Per ottenere le prestazioni sanitarie è necessario presentare, assieme a un documento di identità, la Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM), o il certificato sostitutivo, validi alla data della prestazione, che danno diritto alle cure urgenti e medicalmente necessarie, stabilite tali a giudizio del medico, compresi i diritti di esenzione dal pagamento del ticket, a parità di condizioni economiche con il cittadino italiano. 
Tutte le altre prestazioni sanitarie son a carico dell'interessato.


Quadro riassuntivo

PrestazioniPronto Soccorso  urgentePronto Soccorso non urgentePrestazioni ambulatorialiRicovero urgente o medicalmente necessarioRicovero non urgente o medicalmente non necessario
PagamentoA carico della cassa esteraA carico dell'interessatoTicket sanitario  A carico della cassa estera A carico dell'interessato

Nota bene

Il possesso di una TEAM AOK/Hamburg, AOK/Rheinland o TK da diritto anche alle cure non urgenti.
Il possesso di una TEAM del Belgio che porta la dicitura E111-B da diritto solo ai ricoveri ospedalieri.

Avvertenze

  • In assenza della TEAM (o certificato sostitutivo)il pagamento delle prestazioni sanitarie è a carico dell'interessato che potrà richiedere il rimborso al Servizio Sanitario in base alle regole del Paese di appartenenza.
  • Se il soggiorno in Italia ha lo scopo di ricevere prestazioni sanitarie programmate è necessario presentare il modello E112, cioè l’autorizzazione della Cassa Malattia Estera.
  • Il possesso della sola TEAM comporta il pagamento delle prestazioni sanitarie a carico dell'interessato.
  • I cittadini dell’U.E., SEE e Svizzera residenti in Italia devono iscriversi al Sistema Sanitario Nazionale Italiano.
Cittadini di uno degli  Stati che hanno stipulato con l'Italia una Convenzione/Accordo Bilaterale, in temporaneo soggiorno in Italia. (Argentina, Australia, Bosnia-Erzegovina, Brasile, Capo Verde, Città Del Vaticano, Croazia, Macedonia, Montenegro, Principato Di Monaco, Repubblica Di San Marino, Serbia, Tunisia)

Per ottenere le prestazioni sanitarie è necessario presentare, assieme a un documento di identità, il modulo rilasciato dallo Stato di provenienza valido alla data della prestazione che da diritto alle prestazioni urgenti (stabilite tali a giudizio del medico).
T
utte le altre prestazioni sanitarie sono a carico dell'interessato.

Nota bene

Le Convenzioni sono diverse fra Stato e Stato ed è consigliabile chiedere informazioni agli Uffici competenti.

Avvertenze

In assenza del modulo rilasciato dallo Stato di provenienza, il pagamento delle prestazioni sanitarie erogate è a carico dell'interessato che potrà richiedere il rimborso al Servizio Sanitario in base alle regole del Paese di appartenenza.

 

Cittadini Extra comunitari, regolarmente presenti sul territorio italiano

Permesso di soggiorno per lavoro, motivi familiari, asilo, richiesta di asilo, attesa adozione, affidamento, acquisto della cittadinanza italiana,  di richiesta di rilascio o di rinnovo presso la Questura.

Adempimenti

Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale Italiano (S.S.N). Il Distretto Sanitario di competenza in base alla dimora abituale rilascerà una tessera sanitaria con scadenza limitata.

 

Per ottenere le prestazioni sanitarie si deve presentare, assieme a un documento di identità, la tessera sanitaria valida alla data della prestazione che da diritto all’accesso alle prestazioni sanitarie a parità di condizioni con il cittadino italiano.

Avvertenza
In  assenza della tessera sanitaria o con tessera scaduta, la regolarizzazione della posizione assistenziale si effettua al Distretto Sanitario.
La mancata regolarità dell’iscrizione comporta il pagamento delle prestazioni sanitarie erogate.

 

Permesso di soggiorno della durata superiore a tre mesi o altri specifici diversi da quelli che danno diritto alla iscrizione obbligatoria:


E' possibile usufruire della iscrizione volontaria al S. S. N., rivolgendosi al Distretto Sanitario di competenza con versamento di una quota annuale. Sarà rilasciata una tessera sanitaria valida dalla data di pagamento fino alla fine dell’anno solare.

Nota bene

Esempi di permessi validi per l’iscrizione volontaria sono: residenza elettiva, personale religioso e affari. I permessi di persona alla pari e studio danno diritto all’iscrizione volontaria anche se di durata inferiore ai tre mesi. Per verificare i diritti previsti dal proprio permesso  rivolgersi al Distretto Sanitario di competenza.

Per ottenere le prestazioni sanitarie si deve presentare, assieme a un documento di identità, la tessera sanitaria valida alla data della prestazione che da diritto all’accesso alle prestazioni sanitarie a parità di condizioni con il cittadino italiano.

Avvertenza
L'assenza della tessera sanitaria o la tessera scaduta, comportano il pagamento delle prestazioni sanitarie erogate.

Permesso di soggiorno per studio con polizza assicurativa Ina Assitalia.

Sono assicurate le prestazioni urgenti presentando:

  • passaporto,
  • versamento all’Ina Assitalia,
  • permesso di soggiorno per studio,
  • certificato universitario,
  • autorizzazione al trattamento dei dati personali (per la loro trasmissione all’Ina Assitalia), su apposito modulo. 

Tutte le altre prestazioni sanitarie sono a carico dell'interessato.

Nota bene
Il permesso di soggiorno per studio da diritto alla iscrizione volontaria al S. S. N. (vedi sopra).

Permesso di soggiorno per turismo.


Da diritto alle prestazioni sanitarie urgenti con pagamento delle relative tariffe al momento della dimissione e alle prestazioni sanitarie programmate previo pagamento delle relative tariffe al momento dell’accettazione.

Nota bene
Anche in presenza di una polizza assicurativa privata è previsto il pagamento diretto delle prestazioni sanitarie erogate. Sarà cura dell'interessato presentare richiesta di rimborso alla compagnia di assicurazione.

Permesso di soggiorno per cure mediche

Per ricevere le prestazioni sanitarie concordate con il personale medico, è necessario  il visto di ingresso per cure mediche rilasciato dal Consolato Italiano del Paese di appartenenza
Il pagamento delle tariffe previste  comporta l'anticipo di un acconto e il saldo alla dimissione.

Nota bene
Il permesso di soggiorno per cure mediche può essere rinnovato su proposta della struttura sanitaria.
 

Cittadini Extra-comunitari, irregolarmente presente sul territorio italiano

Si può richiedere la tessera S.T.P. (Stranieri Temporaneamente Presenti) al primo accesso a prestazioni in una struttura sanitaria, dichiarando:

  • le generalità (che non saranno riportate sulla tessera);
  • la mancanza di risorse economiche sufficienti (dichiarazione di indigenza); 
  • di non essere regolarmente presente sul territorio italiano.

Per ottenere le prestazioni sanitarie si deve presentare la tessera S.T.P  che da diritto:
a) alle cure ambulatoriali ed ospedaliere urgenti o comunque essenziali e continuative, stabilite tali a giudizio del medico, compresi i diritti di esenzione dal pagamento del ticket, a parità di condizioni economiche con i cittadini italiani;
b) alle cure ambulatoriali e ospedaliere, urgenti ed ordinarie legate a:

  • tutela della gravidanza,
  • tutela della salute del minore,
  • interventi di profilassi internazionale (vaccinazioni obbligatorie, profilassi diagnosi e cura della malattie infettive ed eventuale bonifica dei relativi focolai).

Tutte le altre prestazioni sanitarie sono a carico dell'interessato.

Se non sussistono le condizioni di indigenza si può richiedere la tessera STP che consente l'accesso alle prestazioni sanitarie a pagamento.
 

Cittadini italiani emigrati in un paese extracomunitario non convenzionato con l'Italia, in temporaneo soggiorno in Italia

Per ottenere le prestazioni sanitarie si deve presentare, assieme a un documento di identità, l’attestato numerato rilasciato dall’Azienda Sanitaria valido alla data della prestazione  che da diritto alle prestazioni ospedaliere urgenti e alle prestazioni ambulatoriali urgenti.
Tutte le altre prestazioni sanitarie sono a carico dell'interessato
.

Nota bene

L’attestato numerato di emigrato temporaneamente rientrante è rilasciato, in assenza di una copertura assicurativa, dal Distretto Sanitario competente per territorio e può avere una validità massima di 90 giorni nell’anno solare.

Avvertenza

In assenza dell’attestato dall’Azienda Sanitaria le prestazioni sanitarie erogate sono a carico dell'interessato.

 

Dove si effettua il pagamento

Il pagamento delle prestazioni deve essere effettuato agli sportelli del Sevizio Centralizzato Casse o alle casse  ticket automatiche.
Il ticket si paga prima dell'esecuzione delle prestazioni mentre quelle di Pronto Soccorso all'uscita dallo stesso.
Per il pagamento dei ricoveri ci si deve rivolgere prima all’Ufficio Stranieri.

A chi rivolgersi per avere informazioni

Per avere maggiori informazioni rivolgersi a:

UFFICIO STRANIERI
Sede: Padiglione n. 10 – secondo piano  - stanza
Piazzale Santa Maria della Misericordia, 15 - 33100 UDINE
Recapiti: Tel.  0432 552306/559217/552236 - Fax 0432 552233
e-mail: demarco.anna@aoud.sanita.fvg.it
e-mail: franchi.elena@aoud.sanita.fvg.it
e-mail: mesaglio.carlo@aoud.sanita.fvg.it

Orari: da lunedì a venerdì, dalle 09.00 alle 12.00.
Può essere concordato un appuntamento anche in un altro orario.

 

Servizi

[vuoto]

 

 

 

Servizi agli stranieri

  aggiornato il 7.09.2012